Oltre 50 statistiche sull'ospitalità che dovresti conoscere (2023)

Di Hotel Tech Report

Ultimo aggiornamento Novembre 02, 2022

6 minuti di lettura


descrizione dell’immagine

Ti chiedi quanto sia grande il settore dell'ospitalità? O sei curioso di sapere in che modo la pandemia di COVID-19 ha influenzato l'occupazione, le entrate e l'occupazione degli hotel?

In questo articolo, analizzeremo oltre 50 statistiche scioccanti sul settore dell'alloggio sfruttando set di dati critici come l'ufficio di statistica del lavoro, organizzazioni del settore dei viaggi come AHLA e Statista. Queste statistiche toccano le tendenze globali, la storia, i marchi e gli indipendenti e persino le preferenze e la fedeltà degli ospiti. Acquisirai una comprensione più profonda dell'occupazione nel settore alberghiero e anche delle tendenze delle prenotazioni. Entro la fine di questo articolo, sarai un albergatore più informato con un polso sulle ultime notizie del settore alberghiero. Pronto per tuffarti? Andiamo!

The global hotel market

  1. Non si sa esattamente quanti hotel e camere d'albergo ci siano nel mondo. STR stima che ci siano 17,5 milioni di camere in 187.000 hotel in tutto il mondo, ma nessuno conosce le cifre effettive.

  2. La più grande compagnia alberghiera del mondo, in termini di numero di proprietà, è Wyndham Hotel Group, con oltre 9.200 hotel a giugno 2020. Marriott International è la seconda più grande, con oltre 7.600 proprietà, e Choice Hotels International è terza con oltre 7100 alberghi.

  3. Mentre Wyndham ha il maggior numero di proprietà, Marriott International ha il più grande portafoglio di camere d'albergo. Marriott aveva circa 1,4 milioni di camere nel 2020, oltre 400.000 in più rispetto al secondo classificato Hilton Worldwide.

  4. L'industria alberghiera e del turismo rappresenta in genere circa il 10% del PIL mondiale. Tuttavia, nel 2020, quando è scoppiata la pandemia di COVID-19, l'industria alberghiera rappresentava solo il 5,5% del PIL mondiale.

  5. Le entrate globali degli hotel hanno raggiunto i 198,6 miliardi di dollari nel 2020 dopo essere diminuite del 46% rispetto al 2019. Si prevede che le entrate del 2021 rimbalzeranno a circa 285 miliardi di dollari nel 2021, ma non è probabile che la piena ripresa fino al 2023.

  6. Negli ultimi anni, l'Europa ha sovraperformato le Americhe, l'Asia Pacifico e il Medio Oriente/Africa in termini di occupazione e prestazioni RevPAR. Tuttavia, l'occupazione è scesa al 13,3% in Europa all'inizio della pandemia.

  7. L'hotel più grande del mondo è il First World Hotel & Plaza a Genting Highlands, in Malesia, con 7.351 camere. Ha anche un parco a tema in loco!

The US hotel market

  1. Alla fine del 2020, gli Stati Uniti ospitavano 5,29 milioni di camere d'albergo.

  2. Nel 2018, l'industria alberghiera statunitense ha generato entrate per 218 miliardi di dollari, ma le entrate sono diminuite in modo significativo durante il 2020, quando è scoppiata la pandemia.

  3. Il tasso di occupazione per il mercato alberghiero statunitense nel 2020 era solo del 44% e nel 2020 sono state vendute più camere rispetto al 2009, quando la crisi finanziaria era al culmine.

  4. Secondo Smith Travel Research, la tariffa media giornaliera e le entrate per camera disponibile hanno raggiunto i massimi storici negli Stati Uniti nel 2019. L'ADR era di $ 131,21, l'occupazione era del 66,1% e il RevPAR era di $ 86,76.

  5. New York City ha più hotel di lusso di qualsiasi altra città degli Stati Uniti. Puoi trovare 77 hotel classificati da 4 o 5 diamanti da AAA nella Grande Mela a partire dal 2020. Chicago ha 42 hotel con valutazioni da 4 o 5 diamanti, seguiti da Boston e Houston con 29 ciascuno.

  6. Nove dei 10 hotel più grandi degli Stati Uniti si trovano a Las Vegas. I primi tre sono The Venetian (7.092 camere), MGM Grand e The Signature at MGM Grand (6.852 camere) e CityCenter (6.790 camere).

  7. L'hotel medio degli Stati Uniti opera con un margine di profitto del 30%, secondo PKF Consulting nel 2011, che è piuttosto basso rispetto a quasi tutti gli altri settori. Nel 2020 la redditività degli hotel è diminuita drasticamente; a giugno 2020 il margine di profitto medio dell'hotel era di circa il 18%.

  8. PKF ha anche riferito che l'hotel americano medio genera il 65% delle entrate dalle camere, mentre il 25% proviene da F&B e il 10% da altri punti vendita.

  9. Il primo hotel negli Stati Uniti, The City Hotel a New York City, fu aperto nel 1794 e aveva 73 camere. L'hotel chiuse solo pochi decenni dopo; l'edificio fu demolito nel 1849.

  10. A ottobre 2021, negli Stati Uniti erano stati aperti 665 nuovi hotel per un totale di 85.306 camere. 21 di questi erano a New York City, 21 ad Atlanta e 19 a Orlando.

  11. 833 hotel aperti negli Stati Uniti nel 2020 e di questi, il 29% erano hotel per soggiorni prolungati. L'inventario per soggiorni prolungati è cresciuto del 10,3% e il marchio più popolare è stato Home2 Suites by Hilton.

Big brands

  1. La prima catena alberghiera americana fu fondata da Ellsworth Milton Statler nel 1901 quando aprì lo Statler Hotel a Buffalo, New York. La catena è cresciuta fino a raggiungere una dozzina di proprietà e nel 1954 il portafoglio è stato acquisito da Hilton Hotels.

  2. Secondo Brand Finance, Hilton è il marchio alberghiero più prezioso al mondo, con un valore del marchio di 7,6 miliardi di dollari nel 2021, sebbene sia il quarto in termini di numero di hotel, con circa 6.000 proprietà.

  3. Marriott International ha il maggior numero di marchi sotto il suo ombrello di qualsiasi azienda alberghiera globale, con 30 bandiere uniche. Il portafoglio di marchi Marriott comprende marchi di lusso (Ritz-Carlton, EDITION), premium (Marriott, Sheraton), selezionati (Moxy, Courtyard) e soggiorni più lunghi (Element, Residence Inn).

  4. Marriott ha acquisito Starwood Hotels & Resorts nel 2015 nella più grande fusione del settore alberghiero fino ad oggi. L'acquisizione è costata $ 13 miliardi e i programmi fedeltà delle due società sono stati combinati e ribattezzati Marriott Bonvoy.

  5. Marriott Bonvoy è il più grande programma fedeltà nel settore alberghiero. Oltre 120 milioni di viaggiatori sono stati membri del programma nel 2019.

Independent hotels

  1. Circa il 40% degli hotel statunitensi è indipendente, secondo STR nel 2019. Si tratta di un grande cambiamento rispetto al 1990, quando quasi due hotel su tre erano indipendenti.

  2. Ci sono oltre 4.600 boutique hotel negli Stati Uniti nel 2021. Un boutique hotel è generalmente definito come un hotel indipendente di fascia alta con meno di 100 camere e uno stile di design unico.

  3. Nel 2017 i boutique hotel rappresentavano il 3,2% delle camere d'albergo negli Stati Uniti, ma il 5,6% delle entrate nazionali delle camere d'albergo.

  4. Si prevede che il valore del mercato degli hotel boutique negli Stati Uniti supererà i 12 miliardi di dollari nel 2021, una notevole diminuzione rispetto al valore del 2019 di 20 miliardi di dollari.

  5. I boutique hotel sono diventati popolari negli ultimi anni; nel 2016 il 25% dei nuovi progetti alberghieri erano boutique hotel e molti di questi hotel si trovavano in mercati più piccoli.

  6. I boutique hotel in genere superano gli hotel non boutique in termini di ADR e occupazione; nel 2017 i boutique hotel hanno registrato un'occupazione superiore del 6,9% e un ADR superiore del 64,7% rispetto alle non boutique.

Hotel booking trends

  1. Il marchio di viaggi e turismo più prezioso al mondo, secondo l'elenco 2021 di Brand Finance, non è una compagnia di alloggi o una compagnia aerea. È Booking.com, che ha un valore del marchio di $ 8,9 miliardi. Gli albergatori che vogliono raggiungere un vasto pubblico di potenziali ospiti possono sfruttare l'enorme potere di marketing di Booking.com.

  2. I viaggiatori visitano in media 38 siti Web prima di effettuare una prenotazione, secondo un sondaggio Expedia rilevato nel 2015.

  3. Secondo Kalibri Labs, il 27% delle prenotazioni alberghiere viene effettuato direttamente tramite la struttura, il 25% tramite il sito Web dell'hotel e il 16% tramite agenzie di viaggio online nel 2019.

  4. La finestra di prenotazione media, o tempo di consegna, per le prenotazioni alberghiere negli Stati Uniti è di circa 25 giorni, secondo Kalibri Labs. La durata media del soggiorno è di 1,8 notti.

  5. Uno studio del 2015 della Global Business Travel Association ha rilevato che le persone facevano 1,3 milioni di viaggi di lavoro negli Stati Uniti ogni giorno.

  6. Storicamente, circa due terzi delle entrate del settore alberghiero sono state guidate dai viaggi d'affari. Uno studio del 2021 di Bloomberg ha rilevato che l'84% dei CEO globali prevede di spendere meno per i viaggi di lavoro dopo la pandemia.

  7. Secondo uno studio PwC del 2019, è leggermente meno probabile che i millennial, in particolare i viaggiatori di piacere millennial, facciano parte dei programmi fedeltà degli hotel rispetto alle loro controparti più anziane. È stato riscontrato che i millennial fanno parte di 3 programmi fedeltà rispetto a 3,6 abbonamenti al programma di viaggiatori più anziani.

Guest preferences

  1. È probabile che il 40% degli ospiti dell'hotel scriva una recensione dopo un'esperienza positiva, mentre è probabile che il 48% degli ospiti dell'hotel ne scriva una dopo un'esperienza negativa, secondo ReviewTrackers.

  2. L'81% dei viaggiatori legge sempre o spesso le recensioni prima di prenotare il proprio alloggio, rispetto al 72% dei viaggiatori che leggono le recensioni prima di prenotare un ristorante o i biglietti del tour.

  3. Lo studio PwC ha rilevato che i millennial hanno maggiori probabilità di riscattare punti fedeltà per gli upgrade, mentre i viaggiatori più anziani hanno maggiori probabilità di riscattare punti per notti gratuite.

  4. Nella pubblicazione del 2021 dell'annuale Rapporto sui viaggi sostenibili di Booking.com, il 61% dei viaggiatori ha riferito che la pandemia li ha ispirati a viaggiare in modo più sostenibile. L'81% dei viaggiatori ha anche dichiarato di voler soggiornare in alloggi sostenibili nel prossimo anno.

  5. In un sondaggio Expedia condotto nel 2021, il 59% dei viaggiatori ha dichiarato che spenderebbe di più per migliorare la sostenibilità dei propri viaggi.

  6. Lo stesso sondaggio Expedia ha rilevato che i principali fattori di valore per la prenotazione di hotel nel 2021 sono stati il miglioramento delle misure di pulizia, le politiche di cancellazione flessibili, la facilità di rimborso e le tariffe basse.

  7. Secondo un sondaggio del 2014 di Hotels.com, circa il 35% degli ospiti ha ammesso di aver già rubato qualcosa da un hotel.

  8. Uno studio Expedia ha rilevato che nel 72% dei casi, i viaggiatori sceglieranno un hotel con un punteggio più alto nelle recensioni degli ospiti rispetto a uno con un marchio o un prezzo inferiore. Ad esempio, gli ospiti pagherebbero il 35% in più per un hotel con un punteggio di 4,4 rispetto a un hotel con un punteggio di 3,9.

Employment in the hotel industry

  1. 2,3 milioni di persone hanno lavorato nel settore alberghiero negli Stati Uniti nel 2018. Inoltre, 8,3 milioni di posti di lavoro sono stati supportati dal settore alberghiero, rappresentando più di 1 lavoro su 25 a livello nazionale.

  2. A ottobre 2021, il tasso di disoccupazione nel settore alberghiero era del 7,5%, che è superiore al tasso di disoccupazione nazionale nello stesso mese del 4,6%. La disoccupazione nel settore alberghiero ha raggiunto un picco nell'aprile 2020 al 39,3%.

  3. L'American Hotel & Lodging Association stima che la pandemia abbia ripristinato 10 anni di crescita occupazionale nel settore alberghiero statunitense, poiché nel 2020 sono stati persi oltre 670.000 posti di lavoro nel settore alberghiero e quasi 4 milioni di posti di lavoro nel settore dell'ospitalità.

  4. La paga oraria media per un agente della reception di un hotel negli Stati Uniti era di $ 12,20 nel 2020.

  5. New York City ha la più alta densità di hotel sindacali negli Stati Uniti, con oltre 200.

  6. Il 2,1% dei dipendenti del settore dell'ospitalità era rappresentato da sindacati nel 2020 e l'1,6% dei dipendenti erano membri di sindacati.

  7. Gli immigrati sono fondamentali per l'industria alberghiera statunitense, rappresentando 1 dipendente di hotel su 3 nel paese.

  8. Dal servizio di ristorazione alle previsioni di occupazione e alle tendenze demografiche dei social media: il settore dell'ospitalità è cambiato rapidamente e i dati in tempo reale ci aiutano a capire meglio dove sta andando il mercato. Inutile dire che l'impatto del covid-19 sull'industria del turismo è stato enorme, portando a nuove iniziative di viaggio globali intorno alle aree chiave della digitalizzazione, portando all'esplosione di fornitori in tutte le categorie di software per l'ospitalità come check-in contactless , messaggistica degli ospiti , chiavi mobili e codice QR menu . La chiusura dei viaggi internazionali costringe gli hotel a diventare più intelligenti nell'attingere ai loro mercati nazionali e guidare i viaggi dal Regno Unito agli Stati Uniti. Anche se i tassi di vaccinazione aumentano e gli obblighi di distanziamento sociale continuano a diminuire, le statistiche sull'ospitalità saranno fondamentali da osservare da vicino come un barometro delle ultime tendenze di viaggio.

    Hai ancora qualche domanda scottante sul settore alberghiero? Facci sapere nei commenti per diventare un collaboratore!