Elaborazione dei pagamenti in hotel: comprensione delle commissioni e delle parti interessate

Di Jan Hejny

Ultimo aggiornamento Febbraio 18, 2022

2 minuti di lettura


descrizione dell’immagine

La maggior parte degli albergatori non sa quanto stanno pagando per le transazioni. Fai? Certo, molti possono dirti il loro tasso di commissione di Booking.com, tuttavia, se inizi a scavare e a porre domande (giuste), saresti sorpreso di capire che le commissioni di pagamento sono fuori dalla vista e fuori di testa. È probabile che se sapessi cosa stai pagando non saresti particolarmente entusiasta delle commissioni sulle transazioni con carta di credito che paghi.

In genere, le commissioni di elaborazione dei pagamenti degli hotel sulle transazioni vanno da circa lo 0,7% al 3,5% e ciò si ripercuote sui profitti. Tuttavia, se questo non è già abbastanza grave, molti altri costi "invisibili" sono coinvolti nei pagamenti. E alcuni di essi sono così ben nascosti che possono volerci anni anche per gli albergatori più esperti per comprendere appieno i pedaggi dell'ecosistema. Molti albergatori stanno pagando più del dovuto i loro fornitori senza nemmeno rendersene conto. Ma non lasciarti ingannare: quando si seleziona un processore, considerare solo le commissioni di transazione è, almeno, fuorviante, quindi se qualcuno ti sta facendo pagare meno, è molto probabile che stia aggiungendo un markup da qualche altra parte. Ci sono così tanti giocatori interessati quando si tratta di pagamenti, quindi è relativamente facile seppellire un'altra o due commissioni qua e là senza che l'hotel se ne accorga.

Pagamento: Un lungo viaggio

Ogni volta che viene effettuata una transazione (online, di persona, via telefono/e-mail, ecc.), sono coinvolte almeno sette parti:

Il consumatore: nell'ospitalità quello è l'ospite. Di solito è lui il titolare della carta o la persona che paga il soggiorno;

Il commerciante: l'azienda che vende i servizi (o i prodotti per il settore della vendita al dettaglio). Nel nostro caso, quello è l'hotel;

Il gateway: la tecnologia necessaria per collegare l'hotel al processore di pagamento.

Il processore di pagamento: abilita la comunicazione tra l'hotel, la rete delle carte di credito e la banca dell'ospite;

La rete delle carte di credito: è il marchio della carta di credito dell'ospite (Visa, Amex, Mastercard, ecc.);

La banca emittente: la banca dell'ospite che effettua il pagamento;

La banca acquirente: la banca dell'hotel che riceve il pagamento.

Ciò significa che, durante ogni fase del pagamento, possono essere applicati costi aggiuntivi, a volte indiscriminatamente. Ecco alcuni dei principali esempi di costi aggiuntivi:

Tariffe di acquisto: i costi dei processori associati all'apertura e al mantenimento dell'account del commerciante. Sono, sostanzialmente, le commissioni della banca acquirente, costituite dall'interscambio + il markup della banca acquirente;

Spese di emissione della carta: addebito effettuato dalla banca emittente della carta in base al tipo di carta e alla sua ubicazione. Ad esempio, le carte di debito personali emesse dall'UE sono limitate allo 0,2%, mentre le carte di credito allo 0,3%. I biglietti da visita, invece, non hanno un limite. La banca emittente di Booking.com, ad esempio, addebita un ulteriore 2% per la sua carta virtuale. (Sì, se fai i conti, ricevere il pagamento tramite la carta di BKG ti costerà fino all'1,8% in più rispetto a una carta di debito...);

Commissioni sui circuiti delle carte : commissioni addebitate in genere dai marchi delle carte. Sebbene non molto elevati, possono variare ed essere molto complessi;

Spese di tokenizzazione della carta: per addebitare una carta di credito/debito, un PMS deve prima ricevere (di solito da un partner, come un channel manager o un motore di prenotazione) il numero, quindi tokenizzarlo. La tokenizzazione garantisce l'archiviazione sicura dei numeri di carta di credito e la conformità PCI, quindi è un servizio fondamentale. Qui, tuttavia, è dove i sistemi tendono ad applicare tariffe molto diverse e quando gli hotel di solito non guardano. Il gateway di pagamento che utilizziamo addebita 0,05 € per carta tokenizzata, ma abbiamo visto che i PMS addebitano quattro/cinque volte tale importo. Inoltre, alcuni sistemi applicano anche "doppie tokenizzazioni", il che significa che addebitano due volte se un ospite, ad esempio, modifica la sua prenotazione su un'OTA. Sì, un ospite che posticipa la data del check-out può costarti il doppio di quanto hai già pagato... Certo, una piccola struttura non potrebbe nemmeno accorgersene, ma se gestissi un hotel con più di 100 chiavi?

Commissioni del gateway di pagamento: sono generalmente addebitate per l'inizializzazione di una transazione (può essere un pagamento, un rimborso, una preautorizzazione, incasso/annullamento della preautorizzazione, ecc.). Il costo può variare da gateway a gateway e alcuni sistemi possono anche aggiungere un markup.

Bonifico bancario: alcuni acquirenti applicano una commissione ogni volta che inviano una transazione. Se tu, come noi, ne ricevi uno al giorno, può diventare piuttosto costoso molto rapidamente. Inoltre, la tua banca potrebbe addebitarti una commissione aggiuntiva per il bonifico, peggiorando ulteriormente le cose.

Come risparmiare sui pagamenti

Quindi, come puoi evitare di cadere in questa trappola e pagare in eccesso per le tue transazioni? A meno che tu non abbia una comprensione completa di come funzionano i pagamenti a un livello superiore, è difficile ottenere il quadro completo. Inizia ponendo le domande giuste al tuo provider. Non accontentarti del "noi offriamo le commissioni di transazione più basse del settore". Questo è solo il reparto marketing che parla e non ti salverà da tutti i costi "invisibili". Scarica invece l'ultima fattura e inizia a controllare tutte le voci. Potresti non capirli tutti, ma almeno ora sai dove cercare.

Immagine dell’autore
Jan Hejny
CEO @ HotelTime